• Italiano
  • English

Tu sei qui

Cucummaru di San Donato

 

Cucumis melo

"A tiempu de miluni nu prestare lu curtieddu" -  Quanto è tempo di meloni, non prestare il coltello

Il “Cucummaru di San Donato” fa parte della grande “famiglia” delle meloncelle: meloni che si consumano allo stato immaturo, diffusissimi in tutta la provincia e caratterizzati da grande variabilità per nome, forma, dimensione, colore, epoca di maturazione, etc.

San Donato di Lecce, fino agli anni ’50, era famosa in tutto il circondario per la copiosa produzione di questo prodotto, che giungeva a maturazione verso fine maggio, distinguendosi dunque come una primizia. I sandonatesi ricordano bene come, proprio a maggio, il paese fosse tutto in subbuglio, per il gran commercio che si faceva del Cucummaro e che portava in paese compratori da tutta la provincia e talvolta da più lontano.

Già nella “Corografia di Terra d’Otranto” del 1879, l’Arditi riporta, alla voce San Donato, testuali parole: «la sua specialità, l’industria più simpatica e lucrativa degli agricoltori, sono le granate e i cocomeri». Oggi sopravvive grazie a pochi agricoltori-custodi, che ne hanno recuperato la semenza da anziani contadini.



Contribuiamo alla conoscenza del patrimonio ambientale e culturale del territorio.

Salento km0 è un marchio registrato. I contenuti scritti e il materiale fotografico inseriti in questo sito sono originali e di proprietà esclusiva degli autori di Salento Km0, ne è pertanto proibito l'utilizzo, anche parziale, senza il loro consenso.

CAPTCHA
Questa domanda è un test per verificare che tu sia un visitatore umano e per impedire inserimenti di spam automatici.