• Italiano
  • English


Salento Km0

Naturale, Locale, Solidale



Produttori

Economia rurale solidale

Aziende agricole biologiche, biodinamiche, sinergiche, rigenerative, sostenibili. Una rete per la filiera corta, costituita da produttori , distributori e consumatori.

Gas e Botteghe

Compra locale e naturale

Gruppi di acquisto solidale, negozi e botteghe che commercializzano e distribuiscono prodotti naturali e biologici servendosi dai produttori della rete Salento Km0.

Ristoratori

Ristoratori

Cucina biodiversa

Ristoratori che usano ingredienti biologici e valorizzano la biodiversità agricola, comunicando con trasparenza i processi produttivi e la tracciabilità alimentare

Associazioni

Coltivatori di cambiamento

Realtà che realizzano nuovi rapporti economici e contribuiscono alla salubrità del territorio: agricoltura, mobilità lenta, turismo sostenibile, riciclo e riuso.

ENTRA NELLA RETE

Sei un produttore agricolo, un'azienda o un agriturismo e pratichi agricoltura naturale?
Sei un ristoratore e promuovi i prodotti locali, l'accessibilità alimentare e le produzioni sostenibili?
Sei una bottega e distribuisci prodotti locali e naturali?
Segnalaci la tua realtà ed entra a far parte del progetto Salento Km0!

COMPILA IL MODULO

Stoviglie biodegradabili - Salento km0

Scèblasti - To Kalò Fai - Videoricette dalla Grecìa Salentina

Scèblasti - To Kalò Fai - Videoricette dalla Grecìa Salentina

La Scèblasti è una forma di pane condito tipico di Zollino, piccolo comune della provincia di Lecce situato nell'area ellenofona della Grecìa Salentina. Il nome "Scèblasti" è un termine griko che significa "senza forma". Si ottiene infatti da un impasto molto morbido costituito da farina, acqua, zucca, olive, cipolla, olio, sale e pomodori. Il 2 e 3 Agosto la Sagra della Scéblasti, organizzata dalla Pro Loco Zollino, rappresenta un momento in cui i locali e i turisti presenti sul territorio possono gustare questa specialità e attraversare le stradine del centro storico, tra antiche case a corte, per conoscere meglio i sapori e le sonorità della cultura popolare grika.

Pàsta jenomèni èssu - To Kalò Fai - Videoricette dalla Grecìa Salentina

Pàsta jenomèni èssu - To Kalò Fai - Videoricette dalla Grecìa Salentina

La pasta fatta in casa, oltre a essere un elemento forte per quel che riguarda le tipicità culinarie della cucina salentina, racchiude in se il senso del lavoro in famiglia e del momento di condivisione durante il pranzo. In particolare, nell'area ellenofona della Grecìa Salentina, il portare in tavola la pasta fatta in casa rappresenta l'essenza della tradizione del piatto domenicale.

“To Kalò Fai – Videoricette dalla Grecìa Salentina”, un format a cura di Meditfilm in collaborazione con Salento Km0, diretto da Fabrizio Lecce, con voce e testi di Anna Maria Tundo.
Un progetto promosso dalla Pro Loco Zollino e realizzato col finanziamento della Legge Regionale N.5/2012 “Norme per la promozione e la tutela delle lingue minoritarie in Puglia”

R73BNlsxMJ4

La cura biologica degli agrumi

Giovedì 24 maggio 2016, a Zollino, il Laboratorio Urbano Salento Km0 ha organizzato un corso di cura biologica e potatura degli agrumi.

Da qualche anno, nel Salento, è in corso una vera e propria epidemia che ha visto gli agrumeti fortemente colpiti. La causa di tutto ciò è un insetto: l’Aleurocanthus spiniferus, di origine asiatica. Insieme alla dott.ssa Sara Nutricato (Cantina Supersanum), che per prima ha identificato questo patogeno nel 2008, e a Mattia Pasca di Ciàula APS, abbiamo scoperto il suo ciclo biologico e il comportamento, ma anche alcune soluzioni naturali per arginarlo e permettere all’ecosistema di convivere con questo insetto.

Successivamente, Mattia Pasca ha illustrato in campo le tecniche per potare gli agrumi nella maniera ottimale.

Plastic tax subito: difendiamo il mare dalla plastica

Plastic tax subito: difendiamo il mare dalla plastica

Dopo l'ennesima retromarcia da parte del Governo lanciamo una campagna per l'introduzione immediata di una vera ed efficace PLASTIC TAX. Il mare è al collasso, le campagne sono inondate di rifiuti plastici utilizzati in agricoltura, le città sono diventate delle centrali di produzione collettiva di polimeri e affini. La plastica è entrata nel ciclo dell'acqua quindi nel ciclo della vita. L'unica vera soluzione è ridurre la produzione e sostituire i materiali plastici con materiali alternativi ed ecologici.

Pomodoro d'inverno di Aradeo

Pomodoro d'inverno di Aradeo

Il pomodoro d'inverno, detto anche da penda o da serbo, è una varietà tipica del Salento diffusa anche in altre regioni del sud Italia. Il pomodoro d'inverno di Aradeo è un'antica varietà selezionata nel Salento e recuperata negli ultimi anni da Karadrà, una cooperativa agricola di Aradeo (Le). E' un pomodoro prodotto con bassissima quantità di acqua e si può conservare diversi mesi. Il metodo migliore per una buona conservazione è la sua sistemazione in "pende", dei grappoli legati secondo una tecnica tradizionale. E' il pomodoro perfetto da usare sulla tipica frisella salentina, il piatto povero divenuto oggi simbolo nella gastronomia della provincia di Lecce.

Tè di compost: la lezione di Massimo Zaccardelli

Tè di compost: la lezione di Massimo Zaccardelli

Un estratto della giornata di formazione organizzata dalla Rete Salento Km0 in collaborazione con Cantina Supersanum e Associazione Verdesalis presso la Saletta di Nardò.
Il laboratorio ha visto il Prof. Massimo Zaccardelli del CREA di Pontecagnano (SA) approfondire le tecniche e le sperimentazioni condotte col tè di compost. I risultati sono eccezionali. La pratica di produrre un compost di qualità, fatto con l'impiego di lombrichi e scarti organici ben bilanciati, sembra essere una soluzione ottimale per contrastare alcune patologie e per migliorare la produzione, sia in termini qualitativi che in termini quantitativi. Ad oggi, Cantina Supersanum, conduce in Salento una intensa sperimentazione in materia, mettendo in pratica tutte le conoscenze finora acquisite, grazie anche ad un prezioso scambio di informazioni col prof. Zaccardelli.

Non chiamatela xylella: come convivere col CO.DI.R.O.

Non chiamatela xylella: come convivere col CO.DI.R.O.

CO.DI.R.O. è l'acronimo di "complesso del disseccamento rapido dell'olivo", una fitopatologia determinata da fattori ambientali e antropici che concorrono al peggioramento delle condizioni di salute degli alberi.

XYLELLA è il nome di un batterio ritenuto erroneamente unico responsabile del disseccamento degli ulivi. Xylella è diventata una semplificazione semantica di facile uso per i giornalisti, ma che ha fatto comodo anche a molti proprietari interessati ad espiantare ulivi anche secolari e sostituirli con altre varietà olivicole o altre colture di tipo intensivo. Numerose analisi hanno infatti dimostrato che il batterio Xylella è PRESENTE anche nelle piante sane; di contro NON è stato rinvenuto in MOLTE piante con i sintomi del disseccamento. La verità che sta emergendo col tempo è che a causare il disseccamento degli ulivi sia un complesso di fattori (CO.DI.R.O.)

La batata di Calimera

La batata di Calimera

La Batata, o Patata dolce, è un tubero tradizionalmente coltivato nella provincia di Lecce. Si tratta di una coltura originaria dell’America che è stata introdotta in Italia intorno al 1630 e nel Salento a metà dell'Ottocento. Fino al 1915, la batata fu quasi esclusivamente coltivata a Calimera per poi diffondersi nel resto del Salento. Da qualche tempo, a Calimera si sono avviate una serie di attività di valorizzazione della batata, grazie anche a ricerche storiche e interviste a contadini custodi effettuate dal Gruppo Salento Km0 e dall’Associazione Di Sana Pianta.

LABORATORIO URBANO

Dal gennaio 2015 in seguito ad una convenzione stipulata con il Comune di Zollino, nasce “Laboratorio Urbano Salento km0 – To Kalò Fai”. Il LU è ubicato in Via Repubblica, strada che sfocia nella piazza principale di Zollino ed è un presidio di promozione, distribuzione e tutela dei prodotti agricoli locali e della biodiversità. La denominazione dello spazio, in griko “To Kalò Fai”, significa “il buon cibo” e rappresenta il desiderio di coniugare cultura e buone pratiche sociali partendo dalla tradizione alimentare locale e dalla promozione delle eccellenze gastronomiche.

Scopri di più

Contribuiamo alla conoscenza del patrimonio ambientale e culturale del territorio.

Salento km0 è un marchio registrato. I contenuti scritti e il materiale fotografico inseriti in questo sito sono originali e di proprietà esclusiva degli autori di Salento Km0, ne è pertanto proibito l'utilizzo, anche parziale, senza il loro consenso.

CAPTCHA
This question is for testing whether or not you are a human visitor and to prevent automated spam submissions.