• Italiano
  • English

Tu sei qui

Azienda agricola Blasi

Descrizione

Emilia Blasi è una giovane donna che incarna nella sua persona parecchie caratteristiche inusuali: è “ritornata” dopo 16 anni in Puglia, a fare un lavoro faticoso, quello della viticoltrice. Lo fa in un territorio arduo, quello del tarantino. Lo fa, ancora, in un modo difficilissimo, seguendo i principi l’agricoltura organica e rigenerativa. E, come se non bastasse, ha deciso di sfidare il sistema dell’intermediazione selvaggia, cercando di auto-organizzarsi per la distribuzione del suo prodotto.

Una storia più unica che rara, la sua e quella dell’Azienda agricola Blasi, a conduzione famigliare, che merita di essere raccontata. Siamo a Grottaglie, paese tradizionalmente dedito alla ceramica, ma anche alla coltivazione di uva da tavola. Il circondario è una distesa di teloni di plastica, sotto cui crescono le piante di vite, attorcigliate a pali di cemento o ferro. Il vigneto di Emilia appare già ad un primo sguardo del tutto differente da quelli che lo circondano. Il terreno sotto la vigna non è arato, ma coperto dalla pacciamatura, effettuata dall’allettamento di semine annuali che inerbiscono e apportano sostanza nutritiva. «Quando le persone hanno visto l’erba nel vigneto, mi hanno chiesto se avessimo cessato l’attività!» racconta Emilia.

Emilia ha imparato queste tecniche con Deafal ONG, in particolare Matteo Mancini, con il quale ha iniziato un percorso che ha sentito subito suo. «Ho studiato prima di tutto, per capire cosa significava sconvolgere le pratiche agronomiche che solitamente venivano fatte. Non è un percorso finito, ho ancora tanto da imparare e non è semplice, perché siamo io, i miei fratelli, mia madre e mio padre, non abbiamo dipendenti, siamo dei piccoli produttori. Ma una volta che ci sei dentro, non torni più indietro! Serve molta osservazione: la maggior parte del tempo lo si passa in campo ad osservare ogni fase vegetativa della pianta e vedere le risposte che dà. Portiamo le api in vigna, grazie ad un’amica apicoltrice. Non solo per un discorso di impollinazione, ma anche perché l’ape, al contrario di quanto si pensi, è benefica per i marciumi: dove comincia ad apparire il marcio, lei succhia e allo stesso tempo cicatrizza. Ho fatto poi la concimazione con humus di lombrico, e ho visto la differenza».

Esteticamente la sua uva non ha nulla da invidiare a un prodotto convenzionale. Le varietà sono Vittoria e Reginone, tipiche della zona. «Anche in passato, abbiamo sempre lavorato sulla difensiva, ovvero usando la chimica solo in caso di attacco, non abbiamo mai usato prodotti per aumentare la resa o quelli del “calendario agricolo”. Quindi il passaggio totale all’agricoltura organica e rigenerativa è stato più facile».

Per Emilia è molto importante distribuire il prodotto a “km zero”. Le richieste ci sono, ma purtroppo, per chi produce, è troppo complicato fare vendita al dettaglio. Il problema della vendita tramite i compratori (broker nel gergo tecnico) è che è una strenua lotta al ribasso, ogni scusa è buona per abbassare il prezzo e il più delle volte si finisce col vendere il prodotto a prezzi da fame, scoraggiando il produttore ad intraprendere metodi di agricoltura differenti da quello convenzionale, considerato più sicuro. «Un altro problema è che i produttori sono diffidenti, non vogliono confrontarsi, mettersi in discussione, o almeno avere curiosità verso approcci differenti. Cerco persone che condividano i miei stessi principi per confrontarmi, fare rete e scambiare esperienze».

Emilia con la sua incredibile uva naturale, sta sfidando parecchie convenzioni e sta dimostrando che è possibile fare produzione costruendo un altro modello, più ecologico ed equo per il piccolo produttore.


Area

  • Produttori Produttori

Categorie di prodotti

  • Frutta Frutta

Dettagli

Agricoltura organica e rigenerativa
Azienda agricola

Link utili

  Azienda agricola Blasi

Contatti

Grottaglie , TA
Phone: +39 333 772 9143
40° 34' 18.1956" N, 17° 24' 13.8096" E

Seguici sui social

Contribuiamo alla conoscenza del patrimonio ambientale e culturale del territorio.

Salento km0 è un marchio registrato. I contenuti scritti e il materiale fotografico inseriti in questo sito sono originali e di proprietà esclusiva degli autori di Salento Km0, ne è pertanto proibito l'utilizzo, anche parziale, senza il loro consenso.